Lucca e i luoghi Pucciniani

Torre del Lago, Viareggio In vetrina

Partenze

Dal 13/10/2019 Al 13/10/2019 €68

Richiedi informazioni

Vuoi maggiori informazioni su Lucca e i luoghi Pucciniani?

Non esitare a contattarci, il nostro staff è a tua completa disposizione.

0733 810222

327 3272795

info@atlantideviaggi.com

Categoria viaggio

Viaggio

Tipologia viaggio

Viaggio di gruppo Tour in bus Italia

Mezzo

Bus

Documenti

Carta di identità

Destinazione

Partenze

13/10/2019 - 13/10/2019 €68

Programma

PROGRAMMA
Domenica 13 Ottobre 2019
Appuntamento dei partecipanti alle ore 04:30. Incontro con il pullman e partenza alla volta di LUCCA. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo, incontro con la guida e giornata dedicata alle visite.

LUCCA: E’ una bella città, tutta chiusa entro la sua caratteristica cerchia bastionata, vanta monumenti di notevole interesse. Si potranno ammirare: Piazza Napoleone, vasta e ombreggiata da platani, è ornata del neoclassico monumento a Maria Luigia di Borbone; il Duomo, massimo monumento religioso della città, eretto in forme romaniche con interno gotico, al centro è il celeberrimo monumento funebre di Ilaria del Carretto, capolavoro di Jacopo della Quercia; via Guinigi, tra le più tipiche e suggestive, di intatto sapore medioevale, vi prospettano sui due lati le case dei Guinigi; Piazza San Michele, animato e pittoresco centro della vita cittadina; Via Fillungo, elegante e pittoresca via di carattere medioevale fiancheggiata da antiche case e torri; ecc. La casa natale di Giacomo Puccini, si trova al numero civico 9 di Corte San Lorenzo, il teatro del Giglio, lo storico caffè Caselli, ritrovo di letterati e musicisti.

Trasferimento a TORRE DEL LAGO PUCCINI. “Spiagge assolate, fresche pinete, il lago sempre calmo, ovvero l’Eden” Un profondo amore durato tre decadi è quello che legò Giacomo Puccini al ridente borgo di Torre del Lago che, da tempo, ha cambiato, con orgoglio di tutti i suoi abitanti il suo nome, in Torre del Lago Puccini. Quando a fine Ottocento vi giunse il grande compositore, fu per trovare un luogo pittoresco e quieto dove far sgorgare il suo genio creativo. Il lago e il piccolo villaggio le cui case si specchiavano nelle acque del Massaciuccoli a meno di due chilometri dalle sabbiose spiagge della Versilia, gli piacquero subito e l’accoglienza dei torrelaghesi fu entusiastica. Erano questi anni di uno straordinario fervore artistico che coinvolgeva tutta la regione: Firenze, Livorno, e anche Lucca – dove Puccini nacque – erano in contatto con Parigi e le capitali europee; le idee e le persone circolavano vorticosamente, pittori e musicisti si incontravano nelle case e nei caffè. Ma poi, per ritornare alle radici della propria ispirazione, la luce, i suoni più puri, andavano là dove la natura offriva ancora sensazioni forti. Puccini aveva due grandi passioni, la musica e la caccia: per lui il lago di Massaciuccoli rappresentò il luogo ideale dove coltivarle entrambe. Uscendo si trovava l’imbarcadero, da cui partiva per le battute di caccia, specialmente alle folaghe e ai beccaccini. Puccini rimase a Torre del Lago per trent’anni e vi compose tutte le sue opere maggiori, tra cui Tosca (1900), Madama Butterfly (1904), La Fanciulla del West (1910), La Rondine (1917) e Il Trittico (1918). Casa Museo di Puccini: nella piccola piazza aperta sul lago Massaciuccoli si affaccia la maestosa villa del maestro, oggi casa-museo, dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica del grande artista. Una piccola sala è stata trasformata in cappella e custodisce le sue spoglie, insieme a quelle della moglie Elvira e del figlio Antonio. Qui è possibile ammirare anche numerosi e preziosi cimeli tra cui il pianoforte sul quale il Maestro lavorava di notte.

Passeggiata a VIAREGGIO, località turistica già in auge al tempo di Puccini per i bagni di mare e il suo Carnevale, offre numerosi scorci di quell’architettura Liberty, tra queste spiccano il Caffè Margherita prediletto da Puccini, che la rendono ancora oggi affascinante e che vide tra i suoi protagonisti Galileo Chini, amico personale di Puccini e primo scenografo di Turandot. Nel 1921 Puccini si trasferì nella nuova villa che si era fatto costruire a Viareggio, nel quartiere di Marco Polo. Si tratta dell’ultima dimora pucciniana, dove rimase solo tre anni, fino alla morte nel 1924. Alle ore 18:30 circa, inizio del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi

 

Condizioni

Compreso

Viaggio in pullman Gran Turismo – Guida per l’intera giornata - Capogruppo.

Non compreso

Gli ingressi nei luoghi di visita - I pasti - Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

Richiedi informazioni

Vuoi maggiori informazioni su Lucca e i luoghi Pucciniani?

Non esitare a contattarci, il nostro staff è a tua completa disposizione.

0733 810222

327 3272795

info@atlantideviaggi.com

Newsletter

Non lasciarti scappare le nostre migliori offerte e promo, iscriviti alla newsletter.