Il Bunker di Soratte

Civita Castellana, Nepi In vetrina

Partenze

Dal 09/06/2024 Al 09/06/2024 €95

Richiedi informazioni

Vuoi maggiori informazioni su Il Bunker di Soratte?

Non esitare a contattarci, il nostro staff è a tua completa disposizione.

0733 810222

327 3272795

info@atlantideviaggi.com

Status

Prenotazioni aperte

Categoria viaggio

Viaggio

Tipologia viaggio

Tour Viaggio di gruppo Estate Italia

Mezzo

Bus

Documenti

Carta di identità

Destinazione

Partenze

09/06/2024 - 09/06/2024 €95

Programma

PROGRAMMA
Appuntamento dei partecipanti alle ore 05,30. Incontro con il pullman e partenza alla volta di SORATTE. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo, incontro con la guida e giornata dedicata alle visite.

IL BUNKER DI SORATTE: un bunker antiatomico atto ad ospitare poche persone con altissime funzioni di governo per garantire la sicurezza nazionale in caso di attacco nucleare sferrato sulla città di Roma. Non è la trama di un film hollywoodiano ma una vicenda reale, rimasta segreta fino a pochi anni fa e che ancora oggi pochissimi conoscono. Si tratta del complesso sotterraneo che si trova nel monte Soratte a 40 km da Roma, realizzato dal governo italiano su impulso della Nato durante la Guerra Fredda. Il sito doveva garantire “il mantenimento del Governo della Nazione in caso di devastazione nucleare generalizzata della Capitale”. Il sito, reso visitabile, è diventato un complesso museale inserito in un “percorso della memoria” la cui attrazione principale è il bunker antiatomico sotterraneo. Il complesso ipogeo (il “super-bunker”) si estende per 1,2 Km: è costituito da 4 gallerie (cellule di sopravvivenza) costruite su 3 livelli, ciascuna con larghezza di 8 metri ed altezza interna fino a 11 m. Il bunker fu realizzato secondo standard NATO tra il 1967 e il 1971, in piena Guerra Fredda, e durante detto periodo il vincolo di segretezza sui lavori imposto dal governo fu comunque massimo e conservato fino al 2008. Oggi costituisce oggi un luogo straordinario dove la Seconda Guerra Mondiale e la Guerra Fredda si mescolano in un’unica superfortezza sotterranea capace di sfidare lo scorrere del tempo.

CIVITA CASTELLANA: conosciuta come città della ceramica, è l’antica Falerii Veteres degli Etruschi. Abitata nuovamente nel corso dell’VIII secolo dopo l’abbandono del 241 a.C., si è arricchita nel corso dei secoli a seguire di molte grandi opere. Oltre a munirsi di nuove fortificazioni e di un nuovo impianto viario a Civita Castellana furono eretti nuove strutture tra le quali la Rocca, voluta da papa Alessandro VI, il Duomo e il Ponte Clementino. Nel XVIII secolo Civita Castellana era già un importante nodo viario e sul finire dello stesso secolo, proprio grazie alla sua fortunata posizione divenne uno dei primi centri a munirsi di un polo manifatturiero. Tutt’ora infatti Civita Castellana è uno dei più importanti centri di produzione di ceramica industriale che in un certo senso riprende l’antica tradizione falisca della lavorazione di questo materiale.

NEPI: la famosa “Città dell’Acqua” è uno dei borghi più grandi dell’Agro Falisco, costruita su una rupe di tufo che offre splendidi paesaggi e racconta una storia ricca di avvenimenti. Nepi è circondata da torrenti, fonti e piccole cascare e secondo alcune leggende è stata costruita 458 anni prima di Roma dal leggendario Termo Larte. Data la sua posizione strategica, Nepi divenne un’importante città falisca e venne chiamata dai Romani “Porta dell’Etruria”. Diventata municipio di Roma continuò ad acquisire ricchezza e potere e, infatti, questa epoca è testimoniata da numerosi reperti archeologici. Dopo il crollo dell’Impero Nepi venne saccheggiata più volte e nell’Alto Medioevo visse un periodo di splendore grazie alla via Amerina che l’attraversava e che possiamo ammirare ancora oggi . Nel XV secolo Nepi tornò proprietà del Papato e Papa Alessandro VI a fine ‘400 donò la cittadina alla figlia Lucrezia Borgia, governatrice che regalò pace, benessere ed uno dei segni della sua presenza visibili tutt’ora, la Rocca. Il periodo di massimo splendore fu però quello del dominio della famiglia Farnese, alla quale si devono splendide opere architettoniche come il Palazzo Comunale, le fortificazioni e la Cripta di San Tolomeo.

Partenza per il rientro. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

 

Condizioni

Compreso

Viaggio in pullman Gran Turismo – Ingresso al bunker di Soratte (con guida interna) – Guida per CIVITA CASTELLANA e NEPI - Capogruppo.

Non compreso

Altri eventuali ingressi nei luoghi di visita - I pasti – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

Richiedi informazioni

Vuoi maggiori informazioni su Il Bunker di Soratte?

Non esitare a contattarci, il nostro staff è a tua completa disposizione.

0733 810222

327 3272795

info@atlantideviaggi.com

Newsletter

Non lasciarti scappare le nostre migliori offerte e promo, iscriviti alla newsletter.